Cronologia

1799: La Città di New York vende un lotto di terra vergine (ora delimitato da Broadway e Sixth Avenue a ovest, Madison Avenue a est, 33rd Street a sud e 36th Street a nord) per 2.600 dollari a John Thompson per fini agricoli.

1825: Thompson vende la cascina a Charles Lawton per 10.000 dollari.

1827: William Backhouse Astor, secondogenito di John Jacob Astor, acquista la cascina per 20.500 dollari a titolo di investimento.

1859: John Jacob Astor, Jr. fa costruire un palazzo all'angolo nord-ovest, tra Fifth Avenue e 33rd Street.

1862: William Backhouse Astor fa costruire il suo palazzo proprio accanto, all'angolo sud-ovest tra Fifth Avenue e 34th Street.

1893: William Waldorf Astor, figlio di John Jacob Astor, Jr., fa radere al suolo il palazzo ricevuto in eredità e fa costruire l'hotel Waldorf all'angolo tra Fifth Avenue e 33rd Street.

1897: La signora William Backhouse Astor fa abbattere il suo palazzo tra Fifth Avenue e 34th Street e al suo posto fa erigere l'hotel Astoria. Il nuovo complesso è noto come Waldorf Astoria Hotel.

1928: Il Waldorf Astoria Hotel viene venduto alla Bethlehem Engineering Corporation per circa 20 milioni di dollari.

1929: John Jakob Raskob (ex dirigente General Motors), Coleman du Pont, Pierre S. du Pont, Louis G. Kaufman e Ellis P. Earle formano la Empire State, Inc. e nominano presidente Alfred E. Smith, ex governatore dello Stato di New York.

1930: Il 17 marzo comincia la costruzione dell'Empire State Building. Sotto la direzione degli architetti dello studio Shreve, Lamb & Harmon Associates, la struttura si alza di 4 piani e mezzo ogni settimana.

1931: Il 1° maggio, il presidente Hoover preme un pulsante a Washington, D.C., decretando l'inaugurazione ufficiale dell'Empire State Building e accendendone le luci.

1933: Il 2 marzo nelle sale di New York esce il film King Kong.

1945: Un sabato mattina, un bombardiere B-25 si schianta contro il 79° piano dell'ESB in condizioni di fitta nebbia. Lo schema strutturale dell'Empire State Building limita la diffusione dell'incendio, e a dispetto di uno squarcio di sei metri nell'edificio le normali attività lavorative riprendono già il lunedì successivo.

1950: Sull'ESB viene installato un ripetitore radiotelevisivo alto più di 60 metri.

1951: Il gruppo di John J. Raskob cede il grattacielo per 34 milioni di dollari a un gruppo immobiliare, in cui figurano Roger I. Stevens e la famiglia Crown di Chicago, che a sua volta vende immediatamente l'edificio alla Prudential Insurance Company of America per 17 milioni di dollari, sottoscrivendo poi un diritto di superficie a lungo termine con il gruppo di Stevens.

1955: L'American Society of Civil Engineers annovera l'ESB tra i sette traguardi ingegneristici più importanti della storia americana.

1956: Come simbolo di benvenuto e libertà per i visitatori, ai piedi del pennone vengono installati quattro grandi fari noti come "lampade della libertà".

1961: Il 23 agosto, Lawrence A. Wien, Peter L. Malkin e Harry B. Helmsley acquistano il grattacielo per 65 milioni di dollari. Il prezzo, che non comprende il terreno, è il più alto mai sborsato per un singolo edificio.

1962: Una squadra di 30 uomini pulisce l'esterno dell'ESB per la prima volta dalla sua apertura. Occorrono circa sei mesi per completare il lavoro.

1964: I fari vengono sostituiti con i proiettori, che vengono installati in tempo per illuminare l'ESB in occasione dell'Esposizione universale di New York.

1966: Gli ascensori ad alta velocità operati manualmente sui primi 80 piani dell'edificio vengono automatizzati.

1973: A novembre, le luci del pennone vengono temporaneamente "spente" in risposta alla crisi energetica. Torneranno in funzione solo il 3 luglio 1974.

1976: L'osservatorio dell'Empire State Building raggiunge il traguardo dei 50 milioni di visitatori.

1976: Per onorare il bicentenario degli Stati Uniti, l'ESB installa dei proiettori colorati per illuminare l'edificio di rosso, bianco e blu, gettando le basi per l'odierno popolarissimo programma Partner di illuminazione.

1978: Il 15 febbraio si disputa la prima "Scalata all'Empire State Building", una corsa fino alla cima dell'edificio.

1980: L'Empire State Building ottiene un proprio codice di avviamento postale: 10118.

1981: Il 18 maggio, la Landmarks Preservation Commission della città di New York dichiara l'edificio un sito di interesse storico.

1982: Il 20 dicembre, l'Empire State Building viene inserito nel Registro statale e nazionale dei luoghi storici.

1986: L'Empire State Building viene riconosciuto come monumento storico nazionale dal National Parks Service, l'agenzia federale statunitense incaricata della gestione dei Parchi nazionali, e gli viene assegnata una targa commemorativa.

1993: Le 6.514 finestre dell'ESB vengono cambiate, nell'ambito della sostituzione di finestre più imponente mai autorizzata dalla Landmarks Preservation Commission, e le nuove cornici sfoggiano l'originario colore rosso caratteristico dell'edificio.

1994: Per la prima volta vengono celebrati i matrimoni nel giorno di San Valentino all'ESB. Da allora, oltre 250 coppie hanno scambiato i propri voti durante questo evento, che ogni anno è trasmesso in televisione e seguito dalle agenzie di stampa di tutto il mondo.

1999-2000: Nel corso dell'ammodernamento dei sistemi di telecomunicazione dell'ESB vengono installati oltre 32 chilometri di cavi di ​​rame e fibra ottica.

2002: Peter L. Malkin e Anthony E. Malkin, rispettivamente il genero e il nipote di Lawrence W. Wien, sovrintendono all'acquisto del terreno su cui sorge l'Empire State Building.

2004: Le luci del pennone vengono oscurate per 15 minuti per commemorare la morte dell'attrice Fay Wray, che recitò nel film "King Kong" del 1933.

2006: L'ESB festeggia il suo 75° anniversario e i proprietari presentano un piano di ristrutturazione da 550 milioni di dollari, chiamato "Empire State ReBuilding", che prevede tra l'altro il restauro e la ricreazione completi della hall, vero simbolo e capolavoro Art Déco, e la fedele ricostruzione del soffitto originale in oro e alluminio.

2007: L'Empire State Building si aggiudica il primo posto nella classifica delle opere architettoniche americane più amate stilata dall'American Institute of Architects.

2009: Il presidente Bill Clinton, il sindaco Michael Bloomberg e Anthony Malkin annunciano il pionieristico programma d'installazione di dispositivi ad alta efficienza energetica nell'Empire State Building, che diventa un punto di riferimento per l'ammodernamento di altri grattacieli in tutto il mondo.

2009: Il 29 settembre, al termine del restauro, viene svelato il soffitto della hall dell'ESB. La ristrutturazione ha richiesto un tempo più lungo di quello occorso per costruire l'edificio.

2010: L'ESB entra in contatto con oltre 500.000 fan in tutto il mondo attraverso Facebook e Twitter.

2011: Otis, azienda leader nella produzione di ascensori, viene scelta per il più vasto progetto di ammodernamento di ascensori di tutti i tempi, introducendo il sistema di gestione delle destinazioni Compass™ e i motori ReGen™.

2011: L'ESB riceve il premio per l'ecologia Green Power Leadership Award 2011 dalla US Environmental Protection Agency (EPA).

2012: L'Empire State Building presenta il suo nuovo sistema di illuminazione a LED, che ha una tavolozza di 16 milioni di colori ed è gestito tramite computer ad alta velocità.

2012: Le operazioni di monitoraggio e verifica dimostrano che il risparmio energetico garantito dal progetto di ammodernamento dell'ESB supera i risultati previsti per il secondo anno consecutivo e riduce i costi di milioni di dollari.

2013: L'Empire State Realty Trust, la società madre dell'Empire State Building di New York e di altri 17 edifici, inizia le contrattazioni alla Borsa di New York sotto il simbolo ESRT.

Take the Tour!

The virtual tour walks you through the whole experience, from the newly renovated art-deco lobby through the sustainability and historical exhibits, up to our observatories.

See for yourself what makes the Empire State Building Experience a must-see on your next NYC visit.